Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Scritto da nel Internazionale, Numero 38 - 1 Maggio 2008 | 1 commento

Nepal e Bhutan: meno monarchia, più democrazia

Non solo Tibet con la sua tragedia, sulle alture himalayane soffia un vento di novità e democrazia: il Nepal ha scelto

la Repubblica , con il presidente in pectore Parchanda, ex guerrigliero maoista, che traghetterà il paese verso un'auspicata democratica modernità; il Bhutan conosce per la prima volta democratiche elezioni, sottraendo potere al monarca Jigme Khesar Namgyal Wangchuck. In entrambi i paesi si ottengono questi risultati dopo anni di transizione, diplomazia, guerre.

Il Nepal conobbe il disonore della cronaca nel 2001, in seguito alla poco chiara congiura di palazzo, degna di una tragedia shakespeariana, che portò alla feroce uccisione di tutta la famiglia reale per mano dell'erede al trono Dipendra, poi suicida, lasciando in vita il solo Gyanendra, fratello del sovrano ucciso. Scelte impopolari e autoritarie da parte del re, discendente diretto del dio Vishnu, innescarono proteste in tutta la popolazione, oltre a fomentare l'antagonismo dei guerriglieri maoisti, storici oppositori della monarchia. Seguirono anni di strapotere per il monarca, giustificato da uno stato d'emergenza caratterizzato da abusi e violazioni dei diritti umani, con limitazioni di libertà costituzionali e nomina dall'alto del governo. Solo il cessate il fuoco firmato tra guerriglieri maoisti e sette partiti d'opposizione, attraverso l'insurrezione popolare del 2006, spianò la strada al cambiamento fino all'elezione dell'Assemblea Costituente dello scorso aprile che sancisce formalmente la fine della monarchia, la proclamazione della Repubblica Federale Democratica del Nepal e il trionfo del partito maoista.

In Bhutan permane la monarchia, alla guida della quale vi è però l'illuminato re Wangchuck, classe 1980, il più giovane capo di stato del mondo. Nuova democrazia spinta da una rivoluzione partita dall'alto: pochi poteri al monarca, più poteri al Parlamento; radicali riforme tese comunque alla massimizzazione della Felicità Interna Lorda, indicatore alternativo al PIL che fonde insieme economia, tradizione bhutanese e buddismo. Dopo le elezioni dello scorso dicembre della camera alta (età media degli eletti 25 anni!!!), il Partito dell'Armonia Bhutanese ha stravinto le recenti elezioni, conquistando 44 dei 47 seggi della camera bassa, guidato dal neo (e riconfermato) premier Jigmy Y Thinley, eletto democraticamente per la prima volta.

Nonostante le più che positive svolte epocali, per entrambi i paesi sorgono dubbi sulla reale possibilità di instaurare vere democrazie multipartitiche. L'esito delle elezioni lascia infatti interdetti: ha sì vinto la democrazia, ma il popolo ha concentrato il potere nelle mani di un unico partito, i maoisti in Nepal e il DPT in Bhutan. Parchanda dovrà soddisfare le richieste di tutta la società, a partire dalla riforma agraria, col rischio però di imporre un regime monocolore d'ispirazione maoista, se non addirittura un vero e proprio processo rivoluzionario comunista. In Bhutan, lo strapotere del DPT rischia di trasferire il potere dall'entourage monarchico ad un'oligarchia della nuova classe politica, con tanti punti interrogativi.

Nepal e Bhutan, paesi montuosi il più delle volte ignorati dalle cronache, schiacciati tra India e Cina, rappresentano un crocevia geopolitico da non trascurare. Il loro destino politico influenzerà senza dubbio le relazioni tra i due giganti asiatici, su cui gli occhi del mondo sono puntati.

1 Commento

  1. interessante

Lascia un commento a ernesto Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>