L'Arengo del Viaggiatore L'Arengo del Viaggiatore
Menu
Cerca
Capolavoro o cesso scassato?

L'arte contemporanea è un rebus: chi guarda per la prima volta una tela strappata di Fontana, una bianca di Robert Ryman o un confuso colorato scarabocchio di Pollock non può fare altro che pensare “Questo lo so fare benissimo anch'io!”. Si rimane perplessi davanti a certe opere, talvolta incomprensibili, altre volte emozionanti oppure palesemente provocatorie. Le stravaganze sono tante: a rappresentare bene la realtà ci pensa già la fotografia, la pittura e la scultura sono quindi andate oltre. Da qui La Fontana di Duchamp,

La Merda d'artista di Manzoni, gli squali sotto formaldeide di Damien Hirst, …, tutte opere apparentemente senza senso che portano noi profani dell'arte, con un certo fastidio e frustrazione, a chiederci “Che significa? Che mi rappresenta?”.

“Shark” – Damien Hirst (wikipedia.org)

N.5 – Pollock (wikipedia.org)

Ma come difendersi da questo bombardamento di immagini il più delle volte astruse? O meglio: come distinguere la vera arte dalla schifezza?

Una domanda a cui credo sia impossibile dare una risposta. Un tentativo è però presente in una geniale sequenza (da gustare fino alla fine) del film “Il mistero di Bellavista” di e con Luciano De Crescenzo: Saverio il netturbino e Salvatore il vice sostituto portiere, visitando una mostra di arte moderna rimangono allibiti nel vedere una stanza da bagno del Pop artist Tom Wesselmann, con WC incluso, spacciata per opera d'arte; chiedono quindi l'autorevole opinione del dotto Professore (De Crescenzo) che, citando Protagora, spiega loro che l'arte è un qualcosa di sostanzialmente soggettivo. Ma Salvatore non è convinto e, spinto da una saggia e geniale ignoranza, e memore della recente scoperta da parte di un muratore di un dipinto di Luca Giordano nel corso di alcuni lavori, pone il dilemma qui riassunto: in situazione analoga, se un muratore nel 3000 trovasse in uno scavo un WC come quello della mostra, cosa penserebbe d'aver trovato: un capolavoro dell'arte o un cesso scassato?

arrow4 Risposte

  1. Man Ray
    128 mos fa

    più che dei link, questo articolo meriterebbe qualche foto in allegato..ma possibile che non si riesca o si vuole caricare qualche immagine che arricchisca l'arengo? così potremmo renderci conto che l'arte di Pollock altro non rappresenta che il risultato a colori della masturbazione di un artista

  2. Daniele
    128 mos fa

    Sono colpevole…ho provveduto

  3. simone s.
    128 mos fa

    Geniale! Citazione fantastica!

  4. Stefano
    128 mos fa

    Bravo Demo, il suggerimento ha dato i suoi frutti
    adesso posso rivelare la mia identità..ecco chi è Man Ray!!!
    e poi diciamocelo..a cosa sembrano gli schizzi di Pollock???? eiaculazioni spermatiche, ecco cos è l'arte contemporanea

Lascia un Commento